domenica 27 giugno 2010

Breve pausa festiva per produrre :-)














e collaudare (con spina - traversa di Layang) un prototipo italiano e vola!

sabato 26 giugno 2010

Lahore Basant Kite Fest

Atmosfera esotica...il Lahore Basant kite festival.
A primavera, milioni di aquiloni colorati combattono nel cielo dal Pakistan...
Buona visione!



lunedì 21 giugno 2010

MASSAROSA 18 LUGLIO 2010


TUTTI PRONTI??

domenica 20 giugno 2010

I COLORI DEL VENTO CERVIA 2010




a Cervia è in corso la mostra intitolata "I COLORI DEL VENTO"
so che alcuni di noi andranno a visitarla, mentre altri non ne avranno la possibilità, per cui pubblico link delle foto fatte ieri sera all'interno della mostra. sono esposti aquiloni artistici realizzati da due artiste internazionali. Anna Onesti pittrice romana esperta nell'utilizzo di carta giapponese e di altre carte pregiate prodotte in varie parti del mondo. che espone veri quadri volanti realizzati utilizzando tecniche giapponesi, sia per ciò che riguarda la pittura, la carta e i modelli di aquiloni.
Thérèsè Uguen artista che realizza aquiloni di forme eteree che spesso risultano molto improbabili anche ad occhi di aquilonisti esperti, oltre che essere specializzata nell'installazione di giardini del vento. la mostra è stata organizzata e realizzata dal club CERVIAVOLANTE e si protarrà fino al 30 giugno 2010 presso magazzini del sale di Cervia. meteo permettendo nel fine settimana di chiusura mostra verranno realizzati voli notturni di aquiloni illuminati da terra con appositi fari, chiunque può partecipare. per altre info potete contattarmi direttamente via mail click22@libero.it o al cell 338/5802466

http://picasaweb.google.it/andrea.cutting.line/IColoriDelVento2010#

sabato 19 giugno 2010

Shirone 2010

Il Giappone mi affascina...
ecco gli abitanti della città di Shirone impegnati nel combattimento tradizionale.
Grandi aquiloni di carta e bambù, Edo e Rokkaku riconoscibilissimi, e le opposte fazioni si danno battaglia sugli argini dell'East River...
buona visione!



mercoledì 16 giugno 2010

IL MIO "ITALIANO" : SCHEGGIA




Niente di importante,ma se è vero che ogni scarrafone è bello a mamma sua....
l'idea era partita un anno fa dalla costruzione di un telaio per un normalissimo layang,modificato subito in fase di costruzione.l'avevo portato al compleanno di Andrea l'anno scorso,ma ancora più inesperto,non capivo cosa fosse la causa di un non decollo.
fortunatamente quel giorno era presente oltre ad altra gente esperta, il Maestro Yoda che si prestò gentilmente come sempre a risolvere il mio "problema".detto fatto modificò una delle mie prime briglie e d'incanto l'aquilone prese il volo impressionandomi per la velocità che aveva.da li il nome.tutto restò fermo fino alla manifestazione di Cervia Artevento, dove per l'occasione di un vento sostenuto l'ho rispolverato improvvisando balletti a tempo di musica.
l'evoluzione di quel disegno è quello che ora vedete.l'ho provato ieri in una giornata nuvolosa e con un vento discretamente forte ma non unidirezionale.per volare vola e anche bene.è molto bilanciato e sembra che riesca a tracciare finestre dritte e molto lunghe,la velocità si è ridotta un po causa l'ampiezza della vela,ma ci può stare.l'unica cosa che non ho potuto valutare bene è il suo recupero al suolo,avevo alle mie spalle un campo di pannocchie che mi riparava dal vento per almeno 130cm e provando anche un altro aquilone,questa barriera produceva lo stesso effetto (non sempre si riusciva a riprenderlo).al momento lo ritengo ancora un prototipo pronto a essere modificato in base ai prossimi voli di collaudo. è costruito in SPI leggero con traversa in carbonio da 1,5mm e spina in bamboo rastremato gentilmente prodotta e offerta da Francomonza. voto ancora da decidere
PS.nella foto sono inseriti i vari scatti della scheggia in un unico cielo.

lunedì 14 giugno 2010

Carrete maledetti!!! [Mauricio Paillao]



In mezzo a racconti di generosità tra appassionati di fighters mi tocca inserire, con un certo disgusto, questo post.
Questa storia è cominciata l'anno scorso; sembrava una buona cosa, 20 euro per un carrete trasporto compreso (ho chiesto per 3 volte la conferma del prezzo), mettendoci anche oneri doganali ed eventuali altre spese si sarebbe arrivato al massimo forse a 30.
Mi viene chiesto un anticipo che io provvedo ad inviare via Western Union. Mi viene risposto che è tutto ok, e che i carrete stanno riuscendo bene.
Il terremoto blocca tutto, chiaramente, ed io non mi permetto di sollecitarne l'invio, anche se Mauricio non risponde successivamente ai miei messaggi. Non è il terremoto il problema. Mi dice che sta facendo le carte per diventare esportatore. Poi mi dice che i 4 (4?) che aveva provato a spedire gli sono tornati indietro. Poi mi dice che ha perso i contatti (pur essendo attivo su facebook...). Non risponde più alle mie richieste di capire quale è il problema. Qualcuno gli telefona: la moglie risponde che ha parlato con "l'italiano" e che i carrete sono stati spediti. Falso. Un amico suo, Juan, mi contatta dopo aver comunicato con Andrea Benini; proverà a contattare Mauricio. Vi riesce solo andando di persona a casa sua e mi dice che cercherà di aiutarlo nella spedizione. Salta fuori che per spedire 8 carrete spenderebbe 250 dollari!!
A questo punto capisco che di spedire qualcosa non se ne parla e chiedo di ritorno i soldi, perchè io di solito 450 euro non li trovo per strada
Ultima beffa....Mauricio mi risponde che adesso non è possibile, rimandiamo a settembre!!
La goccia che fa traboccare il vaso: mi blocca vigliaccamente dai suoi contatti su facebook.
Bloccherà chiaramente eventuali e-mail che potrei inviare.
Potete trarne voi le conclusione debite.
Se lo ritenete opportuno vi chiederei di informare tutti gli amici aquilonisti che conoscete di non provare ad acquistare carrete da tale personaggio. Seconda cosa, voi che potete, scrivetegli ciò che pensate di lui!
Non sono una persona vendicativa, però credo che un minimo di inutile, piccola vendetta utilizzando la rete si possa fare.
Mi dispiace! Mi sarebbe piaciuto vedere gli appassionati Italiani con il loro bel carrete (senza nulla togliere a chi cerca di costruirne di buona qualità in Italia!).

Noi si è andati a "Diffondere il verbo"


in quel di Assisi e... fatalità cadeva l'appuntamento "aquiloni in Rocca" dove non abbiamo fatto in tempo a partecipare :-( Salutoni e buon volo a tutti!!!

Qui tutta la raccolta delle foto fatte da Chiara. http://picasaweb.google.com/MMaurizioCostantino/DiffondereIlVerbo?pli=1&gsessionid=7ozFnkeVjQVxTH5cKyoQYA#

domenica 13 giugno 2010

RADUNO RIUSCITO





che dire,la soddisfazione dei partecipanti era palpabile.
La mattina ero un po teso per le tante cose che dovevo cancellare dalla lista che mi ero fatto la sera per non dimenticare qualcosa,per le cose che mi invento all'ultimo minuto ma soprattutto per il timore che qualcosa non fosse chiaro per il punto intermedio di ritrovo.il cellulare ha cominciato a squillare la mattina alle 9 con Paolo che mi dice che è già in campo.lo "speck alla Renzo" lo avevo preparato la sera e intanto che preparavo il frigo,mi sono inventato di fare una pasta leggera molto appetitosa con acciughe,aglio e prezzemolo che andando servita fredda avevo messo in freezer momentaneamente.il tempo passa e decido di portarmi al posto prestabilito.alle 10 ero li ad aspettare i forestieri,ma di loro,nessuna traccia. nel giro di poco tempo arriva Dario Marco e Lisa. Aristide mi aspettava più avanti e Francomonza e famiglia ci avrebbe raggiunti sul campo.il tempo di arrivare a destinazione e in poco tempo il campo si trasforma, grazie all'ottimo e ben visibile gazebo di Aristide che ha permesso a quelli che arrivavano nel pomeriggio di scorgerci dalla strada e raggiungerci senza problemi.questa volta era Dario a distribuire i "doni"e per giunta anche di veri doni dal memento che siamo stati omaggiati di grandi patang che non ho ancora capito chi li ha offerti.Paolo ci deve lasciare e ci si trova sotto il gazebo a far andar la bocca e quando penso di tirar fuori i piatti e forchette per far assaggiare la pasta,scopro che era rimasta in freezer.niente paura,anche questa volta sono sopravvissuto! due tipi di riso alla greca due tipi di salame ecc ecc. Visita gradita e inaspettata di Dario e Liliana,due miei amici venuti a trovarci per l'occasione e poi alle 12,50 arriva Lui,Renzo(Maestro Yoda) e si comincia a volare dapprima con aria un po incostante che col passar del tempo rinforzava riuscendo anche a divertire Gabriella e Sara con gli acrobatici e quattro cavi, Lisa alle prese con un Layang che non voleva girare a sinistra e Marco che spadroneggiava persino con un acrobatico.il pomeriggio è un po turbato da quel monza che tira fuori aquiloni come un prestigiatore fa col suo cilindro,ma ormai ci siamo abituati e la cosa finisce li.silenzio,si vola.nel primo pomeriggio arriva Giovanni (giovanmartin) con un suo amico e il gioco è fatto.Marco che non aveva mai visto un combattimento è stato accontentato con un vento che ormai faceva la sua ottima figura e che di li a poco ha costretto Aristide a chiudere il gazebo,ma ormai era giunta l'ora del ritorno per tutti quelli che dovevano affrontare un certo chilometraggio.concludo ringraziando tutti per aver preso parte al primo raduno fighter organizzato da me in provincia di Verona e se trovate che il posto sia adeguato ad essere rivisitato per altri incontri farò in modo di accontentarvi.
Mancava Fernanda
Qualche foto...

venerdì 11 giugno 2010

giovedì 10 giugno 2010

a franco monza

complimenti !!!!!!!!!
sono pero' a chiederti con che cosa hai incollato
quel materiale :la vela alla spina ,e alla stecca di carbonio????
personalmente sono riuscito a costruire un layang
con il celo fan quel tipo di carta trasparente con il quale
confezionano i mazzi di fiori
per incollare la spina e l'arco ho' usato nastro bi adesivo
fotografico da 0.02 mm
il layang devo dire e' velocissimo!!!!!!!!
lo zio joda lo ha anche provato!!!!!!!
io sono enzo di bz se riesco a capire come si fa mettero' a presto la foto sul blog
ciaooooo !!!!!! a tutti !!!!
forse domenica a verona!!!!!!

domenica 6 giugno 2010

VOLANTIN TECNICO!!!!




.... senza nulla togliere all'aquilone tradizionale costruito in semplice magica carta (... il massimo della espressione e della cultura dei popoli che ci circondano). Volevo sperimentare un materiale che mi sono ritrovato tra le mani e, pensando che potesse essere un 'alternativa alla delicata carta, ho realizzato questo splendido VOLANTIN futuristico ah ahaha....






.... con l'indispensabile lametta da barba ho tagliato "fuori" la vela dell'aquilone e, con il bamboo ricavato dalla canna avanzata dal precedente lavoro (patang), ho realizzato la spina centrale ... rastremata su tutta la sua lunghezza in modo circolare per restare alla pari della spina originale cilena.
Per l' arco, in alternativa del carbonio da 2mm ( a mio parere ideale per questo progetto), ho preferito una fibra di vetro del 3mm ... un po più pesante ma molto elastica e quindi adatta per questo aquilone.


... ecco il risultato finale, bello ? beh diciamo interessante ...
Questo film è abbastanza rigido ... con i suoi pro (resistenza e compattezza di vela) e contro (un peso superiore ai classici aquiloni di carta e bamboo). Penso sia un 'aquilone che abbia bisogno di un po' "più di vento" per volare correttamente.









.... non diciamo nulla sulla briglia perchè ormai è conosciuta a tutti (vedi vecchi post su come brigliare volantin) ... solamente che ho usato il "vecchio" filo da pesca olandese .... quello grande , necessario per questi aquiloni "trattori" , l'unico filo che mi ritrovo comodo ed efficace per brigliare.


Risultato finale, lascio a voi giudicare se interessante o indifferente o piacevole da vedere, quello che a me conta di più è che...
voli !!!!!!!!
woww ...
Ciao ragazzi alla prossima!
Non buttate via mai nulla che piò essere adatto per la costruzione delle nostre creature a volte andiamo a ricercare materiali tecnici o aereonautici e non vediamo che l'avanzo della carta pasquale dorata e rossa potrebbe colorare il cielo in modo splendido
( ciao Fernanda ah ah ah sotto anche tu a costruire ... ah ah ah ).

martedì 1 giugno 2010

hallo kiter, grüße aus deutschland, armin