sabato 21 novembre 2009

Ricevo da Nesko

(la foto non c'entra nulla, ma è molto bella)

Ricevo da Nesko, e pubblico...un po' in ritardo.
Il post è in tre lingue, la versione italiana è l'ultima.
Leggete e poi parliamone, che ne pensate?

3 versions of that mail : FRENCH, ENGLISH ans ITALIAN
Thank you, if you agree it, to publish this content for your communities
(check your!)

/Nesko

FRENCH VERSION ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Bonjour à tous,

nous arrivons dans la saison froide, les tournois et les rencontres seront bientôt moins nombreux,
et je souhaite profiter de ce "temps mort" afin de réflechir sur les orientations possibles à donner
à la pratique du cerf-volant de combat;

comme vous le savez (ou pas), nous ne disposons pas d'association ou d'affiliation à une fédération
encadrant l'activité de cerf-volant de combat. Il y en a eu une,
et les membres ont préferé l'arreter au profit de démarches et
organisations personnelles (et cela fonctionne plutôt bien!)

Néamoins, il n'existe aucun cadre de fonctionnement, les responsabilités individuelles et collectives (en terme de sécurité)
ne sont pas clairement définies et quelquefois inconsidérées. nous souffrons (c'est mon avis, il n'engage que moi)
d'un manque de reconnaissance auprès du publique, des autres associations et des diverses autorités administratives.
Les médias ainsi que les structures locales (centres de loisirs, manifestations sportives...) ne reconnaissent
pas le cerf-volant de combat comme un sport ou loisir à part entière mais quelques fois comme une
activités étrange, pratiquée par des individus irresponsables et de façon anarchique (c'est encore mon avis
mais j'en ai déjà eu la réflexion)
D'autre part, nous ne pouvons bénéficier de subvention, d'aide à la réunion et au développement. Aucune
prise en charge des déplacements, de l'hébergement.
Le Championnat de France est virtuel, non reconnu et donc inconsidéré (mais ce n'est pas pour autant qu'il
n'existe pas et qu'il n'a pas de valeur, d'interêt pour les combattants français) et cela n'aide pas à envisager
des perspectives à moyen ou long terme.

Là, je sens que les français vont me rétorquer que c'est quand même plus simple comme ça, qu'il y a moins
de complications et que chacun est libre de participer ou non aux compétitions et aux rencontres.
Ils ont complètement raison et la dernière experience d'organisation de l'activité (à laquelle je n'ai pas participé)
n'a pas réellement apporté quoi que ce soit et que les cerf-volants et les combattants ne se soucient que du vent,
de la bonne bière et des amis n'est-ce pas ? (c'est mon cas!)

Pour ma part, je trouve que l'activité "vivotte" (vivre de façon réduite, dispersée) et je trouve toujours
aussi injuste que les médias (dont on a besoin pour communiquer, sensibiliser, rassembler) ne fassent
que le promotion du football, rugby ou natation et que lorsqu'il s'agit de cerf-volant, l'on ne parle
que de "matelas" gonflables pour le surf ou de cerf-volant acrobatiques dont la technicité poussée et les matériaux
"Hi-tech" ne se souciant pas d'environnement nous offre des spectacles très structurés, mécaniques
et que je trouve sans saveur (encore une fois ceci n'engage que moi !) ;-)

De mon coté, et à un niveau régionnal, j'entreprend des actions afin de sensibiliser, de rassembler autour du cerf-volant
magique, et je mesure la difficulté, les limites de mes actions faute de crédibilité et de soutiens fonctionnels.
Vous savez comme moi que les actions individuelles pèsent moins que des actions collectives, que nous sommes dans
une société basée sur les statistiques, le nombre, la consommation, l'innovation, la mode et du coup le court terme.

Je suis, pour ma part, persuadé que le cerf-volant a pourtant sa place dans la société du loisirs et du sport.
J'arrète de vous ennuyer avec mes bavardages et voici ce que je propose :

La création d'une Association, voire même, et parceque les combattants sont internationnaux (Italie, France, Hollande...)
d'une "Fédération Européene du Cerf-volant de combat" qui aurait

les objectifs suivants :

- Faciliter les actions au niveau nationnal et internationnal (organisation de tournois, prise en charge des déplacements...)
- Bénéficier de subventions européènnes (hé oui, c'est tout à fait possible et peut-être plus envisageable qu'au niveau local)
- donner un cadre de responsabilité collectives et individuelles (dans un premier temps, pas forcément de contrat d'assurance mais plutôt
une charte des bonnes pratiques concernant les risques liés aux tournois et une informations liée aux risques)
- donner une véritable identité aux Championnat nationnaux et au Championnat d'Europe de cerf-volant de combat ce qui aiderait
à sa promotion et sa crédibilté
- Uniformiser et faciliter l'accès aux matériels et aux presations (annuaire des professionels, mise en commun des possibilités
de fournitures...)
- Faciliter la communication et les rencontres locales (annuaires des combattants, localisation géographique)

Les moyens :

- subventions
- Un site internet, portail d'informations Européen avec une visibilité mondiale.
- Communication et partenariats avec les autres fédérations.
- aide aux structures existantes (Fight School avec le Layangan dans le cadre d'échanges culturels internationnaux)
- et ceux auquels je ne pense pas encore...

Attention, ces objectifs ne doivent pas remplacer les actions au niveau local et nationnales mais leur donner plus d'impacte,
de visibilité et de soutiens.

Ceci n'est qu'une ébauche, une idée, un projet.
Je souhaite reccueillir vos remarques, vos réflexions sur le sujet afin de faire avancer la machine si vous jugez
qu'elle a besoin d'avancer, et je comprendrais très bien que vous n'envisagiez pas les choses comme moi.

voilà, je suis disponible, vous pouvez m'écrire à l'adresse itsnesko@gmail.com ou infos@cerf-volant-combat.fr
à bientôt de vous lire

Nesko

ps : navré pour les traductions automatiques qui sont quelquefois difficile à comprendre


ENGLISH VERSION ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Hello everyone,

we arrive in the cold season, tournaments and meetings will soon be fewer
I would like to take this "dead time" to reflect on the possible directions to give
the practice of kite fighting;

as you know (or not), we have no association or affiliation with a federation
governing the activity of kite fighting. There was one,
and members have preferred to stop the use of approaches and
organizations personal (and it works pretty well!)

Nonetheless, there, there is no framework of operation, individual and collective responsibilities (in terms of security)
are not clearly defined and sometimes reckless. we suffer (in my opinion, it is only my opinion)
a lack of recognition from the public, other associations and various administrative authorities.
The media and local structures (recreation centers, sports events ...) does not recognize
not the kite fighting as a sport or leisure activity, but sometimes as a
strange activities, practiced by irresponsible individuals and haphazardly (it's still my opinion
but I already had the discussion)
On the other hand, we can benefit from grant aid to the assembly and development. No
support travel, accommodation.
The Championship of France is virtual, not recognized and therefore unconsidered (but this does not mean it
does not exist and it has no value, of interest for French fighters) and this does not consider
prospects in the medium or long term.

There, I feel that the French will retort that it's still simpler to do, there is less
complications and that everyone is free to participate or not participate in competitions and games.
They were completely right and the last experience of organizing activity (which I did not participate)
has not really brought anything and that the kites and fighters do not care that the wind
good beer and friends is not it? (in my case!)

For my part, I found that the activity "vivotte" (live on a small, dispersed) and I always find
also unfair that the media (we need to communicate, educate, gather) do not
the promotion of football, rugby or swimming and that when it comes to kite, we speak
that "mattress" inflatable surfing or kite-flying acrobatics with the technical and advanced materials
"Hi-tech" not caring environment we offer shows very structured, mechanical
and that I find tasteless (again this is only my opinion!) ;-)

From my side, and a level régionnal, I'm taking action to educate, gather around the kite
magic, and I appreciate the difficulty, the limits of my actions lack credibility and functional support.
You and I know that individual actions weigh less than collective action, we are in
a society based on statistics, numbers, consumption, innovation, fashion and shot the short term.

I for my part, convinced that the kite was still a place in society of leisure and sport.
I stop boring you with my talk and this is what I propose:

The creation of an association, even, and because the combatants are internationals (Italy, France, Holland ...)
a "European Federation of Kite fighter" who would

following objectives:

- Facilitate actions at nationnal and internationnal (organizing tournaments, support for travel ...)
- Benefit from European subsidies (yes, it is quite possible and perhaps more feasible at the local level)
- Provide a framework for collective and individual responsibility (as a first step, not necessarily insurance contract but
a charter of good practice on risk tournaments and information related to risks)
- Give a true identity to nationnale Championship and European Championship of kite fighting which would
to its promotion and crédibilté
- Standardize and facilitate access to materials and presations (directory of professionals, pooling opportunities
supplies ...)
- Facilitate communication and local meetings (directories fighters, location)

Means:

- Grants
- A website, European news portal with global visibility.
- Communication and partnerships with other federations.
- Using existing structures (with the School Fight Layangan through cultural exchanges internationals)
- And those to which I do not ...

Warning, these objectives should not replace action at local level and nationnale but give them more impact,
visibility and support.

This is only a draft, an idea or project.
I wish reccueillir your comments, your thoughts on the subject to move the machine if you think
it needs to move, and I understand very well that you do not plan things like me.

Here, I am available, you can write me at itsnesko@gmail.com or infos@cerf-volant-combat.fr
to read you soon

Nesko

ps: sorry for machine translations which are sometimes difficult to understand

ITALIAN VERSION ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ciao a tutti,

si arriva nella stagione fredda, i tornei e gli incontri saranno presto meno
Vorrei cogliere questa volta "morti" a riflettere sulle possibili direzioni per dare
la pratica della lotta aquilone;

Come sapete (o no), non abbiamo alcuna associazione o affiliazione con una federazione
che disciplina l'attività di lotta kite. Ci fu uno,
e soci hanno preferito interrompere l'uso di approcci e
organizzazioni di personale (e funziona piuttosto bene!)

Tuttavia, c'è, non esiste un quadro di attività, individuali e responsabilità collettive (in termini di sicurezza)
non sono chiaramente definiti e, a volte sconsiderate. soffriamo (a mio parere, è solo la mia opinione)
una mancanza di riconoscimento da parte del pubblico, altre associazioni e le varie autorità amministrative.
I media e le strutture locali (centri ricreativi, eventi sportivi ...) non riconosce
non i combattimenti kite come uno sport o attività di tempo libero, ma a volte come un
attività di strano, praticata da persone irresponsabili e casaccio (è ancora il mio parere
ma avevo già la discussione)
D'altra parte, siamo in grado di beneficiare di concedere aiuti al montaggio e allo sviluppo. No
il supporto di viaggio, alloggio.
Il Campionato di Francia è virtuale, non riconosciuto e quindi trascurate (ma questo non vuol dire che
non esiste e non ha alcun valore, di interesse per i combattenti francese) e questo non prende in considerazione
le prospettive a medio o lungo termine.

Ecco, credo che la replica francese che è ancora più semplice da fare, c'è meno
complicazioni e che ognuno è libero di partecipare o non partecipare a concorsi e giochi.
Erano completamente a destra e l'ultima esperienza di organizzazione di attività (che non ho partecipato)
non ha davvero portato nulla e che gli aquiloni combattenti e non importa che il vento
buona birra e gli amici non è vero? (nel mio caso!)

Per parte mia, ho trovato che l'attività di "vivotte" (in diretta su un piccolo, dispersi) e trovo sempre
anche ingiusto che i media (abbiamo bisogno di comunicare, educare, raccogliere) non
la promozione del calcio, il rugby o il nuoto, e che quando si tratta di kite, si parla
che "materasso" surf gonfiabile o di far volare gli aquiloni acrobatici con i materiali tecnici e avanzati
"Hi-tech" Non prendersi cura dell'ambiente che offriamo mostra molto strutturato, meccanica
e che trovo di cattivo gusto (anche questa è solo la mia opinione!) ;-)

Da parte mia, e un régionnal livello, sto prendendo l'azione di educazione, di raccogliere in tutto il kite
la magia, e mi rendo conto della difficoltà, i limiti delle mie azioni, la mancanza di credibilità e di supporto funzionale.
Voi e so che le azioni individuali pesano meno di azione collettiva, siamo in
una società basata sulle statistiche, numeri, il consumo, l'innovazione, moda e fucilato a breve termine.

Io per parte mia, convinto che l'aquilone è ancora un posto nella società del tempo libero e sport.
Mi fermo noioso con il mio discorso e questo è ciò che io propongo:

La creazione di un'associazione, anche, e perché i combattenti sono internazionali (Italia, Francia, Olanda ...)
uno "European Federation of Fighter Kite", che avrebbe

seguenti obiettivi:

- Facilitare le azioni a nationnal e internationnal (organizzazione di tornei, il supporto per i viaggi ...)
- Beneficiano di sovvenzioni europee (sì, è del tutto possibile, e forse più fattibile a livello locale)
- Fornire un quadro di responsabilità collettiva e individuale (come primo passo, non necessariamente il contratto di assicurazione, ma
una carta di buone prassi sui tornei di rischio e le informazioni relative ai rischi)
- Dare una identità vera di nationnale Campionato e Campionato Europeo di lotta kite che
alla sua promozione e crédibilté
- Standardizzare e facilitare l'accesso ai materiali e presations (elenco di professionisti, mettere in comune le opportunità
forniture ...)
- Facilitare la comunicazione e incontri locali (le directory combattenti, location)

Significa:

- Borse di studio
- Un sito web, il portale di notizie europee con una visibilità globale.
- Comunicazione e partnership con altre federazioni.
- Utilizzando le strutture esistenti (con la Scuola di Lotta Layangan attraverso scambi culturali internazionali)
- E quelli che non mi ...

Attenzione, questi obiettivi non devono sostituire l'azione a livello locale e nationnale, ma dare loro un maggiore impatto,
visibilità e sostegno.

Questo è solo un progetto, un'idea o un progetto.
Vorrei reccueillir i vostri commenti, i vostri pensieri su questo argomento per spostare la macchina, se si pensa
ha bisogno di muoversi, e capisco benissimo che non si prevede cose come me.

Ecco, io sono disponibile, potete scrivermi a itsnesko@gmail.com o infos@cerf-volant-combat.fr
di leggere presto

Nesko

ps: dispiace per le traduzioni automatiche che sono a volte difficili da capire

32 commenti:

andrea benini ha detto...

secondo me creare e organizzare una nuova associazione solo per i fighters diventa macchinoso e costoso oltre che impegnativo. una mia proposta che ho in mente già da tempo, potrebbe essere questa (sempre che sia fattibile): io mi appoggerei ad una associazione già esistente che ha già un suo amministrativo, un suo sito internet, una sua sede ecc ecc creando quindi all'interno della associazione interessata, creare una sezione dedicata ai fighters con magari un consiglio direzionale apposito per le scelte riguardanti i fighters. così facendo si eliminano molti problemi burocratici amministrativi ed economici. sicuramente si trova un'associazione che ci accoglie volentieri, dato che tutte le associazioni hanno sempre problemi economici e di personale per gestire le attività. aprire nuove associazioni può a vere aspetti positivi, ma gli aspetti negativi spesso li prevalicano. secondo me ad esempio cervia volante potrebbe essere interessata ad una cosa del genere, anche se non ne ho mai parlato con loro. però ho sempre visto molta disponibilità ed interesse nei nostri confronti. si potrebbe poi ampliare la cosa, non solo organizzando cose riguardanti combattimenti fra piccoli aquiloni fighters ma sarebbe interessante (sempre a mio personale parere) allargare la cosa e includere i rokkaku che nei raduni o festival risultano sempre molto spettacolari e di impatto visivo notevole date le dimensioni maggiori degli aquiloni. trovo interessante il discorso di rendere internazionale o perlomeno a livello europeo l'organizzazione. spero di aver dato un valido contributo e io resto a disposizione per questa cosa, perchè anch'io ci stavo pensando e penso che i tempi siano maturi per muoversi in questo senso. ho tante idee a questi riguardi perchè è da tempo che anch'io ci stavo pensando.

franconow ha detto...

Andrea, il progetto di Nesko è a livello europeo, poi volendo, ci si confronterà con le realtà locali. Come sai bene, fino a qualche mese fa, la mia intenzione era quella di lavorare alla definizione del primo campionato italiano, basato su tre gare ufficiali. Poi la presa di coscienza del problema sicurezza mi ha bloccato. Secondo me non esistono, salvo condizioni particolari, luoghi che mettano al riparo da questi problemi. Il mio è un punto di vista condiviso da pochi, ma è ciò che penso.
Nesko, il tuo è un progetto ambizioso...non posso che augurarti buona fortuna!
Per quanto mi riguarda, non mi impegnerò in nessun tipo di organizzazione (sia nazionale che internazionale) che vada oltre al FightersBar blog, ma sono pronto ad appoggiare i tuoi sforzi concedendoti tutto lo spazio che vorrai sul blog.

dario ha detto...

spiacente ma io nn ce la faccio fisicamente a impegnarmi sul piano europeo,come sapete già faccio fatica su festival nel raggio di 200 km e preparo la roba 5 minuti bprima di uscire,per cui organizzarmi anche sù seguire tutto il resto via internet......
nn penso propio di farcela.
cmq in caso di bisogno nn mi tiro indietro anche perche verso henri,nesko etutti gli amici esteri abbiamo dei debiti di riconoscenza.

Roberto ha detto...

Non ho capito una cosa. Ma i fondi europei si ottengono con una associazione europea o con una affiliazione di piu organizzazioni nazionali di diverse nazioni?
Nell'ultimo caso ha ragione Andrea, appogiarsi ad un associazione già esistente è piu comodo e non parlo per parte presa perchè posso pensare anche all'Arci ad esempio.
Lascerebbe ai soci minori impegni burocratici e piu opportunità organizzative. Meditateci gente

Storgio ha detto...

Non mi piacciono le associazioni, rendono tutto macchinoso e poco spontaneo.
Non mi piace neppure la stack, se devo dirla tutta.
Ma sono un estremista.
Auguro però buon lavoro a tutti coloro che eventualmente si prodigheranno e son sicuro che saranno importantissimi per la diffusione di questa passione, se non fondamentali.
Resta il fatto che a mio parere le associazioni allontanano le passione dagli appassionati, o almeno alcune sumature di esse.

MarBon ha detto...

Sono d'accordo con Storgio.
"Le associazioni rendono tutto macchinoso e poco spontaneo".
Lo dico per esperienza.
Io sono tra gli ultimi arrivati e non ho gran voce in capitolo, però ci tengo a dire che sarebbe stato più difficile per me venirvi a cercare se vi avessi... sentito come un "gruppo istituzionalizzato".
Quello che più mi ha attirato di voi fighter la prima volta in maggio a Rosolina e domenica 15 a Cervia è soprattutto la spontaneità, la voglia di stare insieme per condividere una passione, la grande disponibilità a, come si dice, "diffondere il verbo" senza regole precise, tessere associative, cariche, ecc.
Non so se la cosa vale solo per me, ma nel momento in cui si procedesse a creare una associazione, credo che mi allontanerei così come mi sono avvicinato. Mi sentirei subito "obbligato" ad associarmi per poter avere consigli, a partecipare sempre ai raduni o a esercitarmi per poter essere "bravo" quanto gli altri soci.
Ma forse sono solo mie paturnie...
Scusate lo sfogo...

Roberto ha detto...

Riguardo alle associazioni non credo che smontino le passioni in quanto tali ma solamente perchè come associazioni sono sottoposte ad una serie di regole istituzionali imposte dai regolamenti civili.
Del resto pero si deve dire che come gruppo organizzato e sostenuto da un governo cittadino, come lo siamo stati noi di Cervia Volante per anni, ci sono piu possibilità organizzative e aggregative. Le forze in campo sono diverse, maggiori entrate, locali per aggregarci, possibilità maggiori a livello organizzativo che portano nel loro insieme ad una maggiore diffusione del "Verbo" ma non solo. Danno spesso la possibilità di conoscere in prima persona realtà diverse di gruppi di altre nazioni o viaggiando o portandoli nel nostro paese.
Gli obblighi associativi quindi diventano opprimenti perchè vanno fatti e qualcuno se ne deve prendere carico. Sono i pro e contro di una associazione, ma capisco anche il vostro punto di vista dato che per 12 anni sono stato un cane sciolto.
Comunque non ci vedo tanto male nelle associazioni, piuttosto vedo il male in alcune persone o in alcuni atteggiamenti e se questi si trovano all'interno di una associazione il divertimento è finito. E' solo un mio punto di vista del resto.

Storgio ha detto...

Vorrei chiarire: non c'è nessun male nelle associazioni, anzi senza di esse moltissime meravigliose manifestazioni ed incontri (vedi il festival di Cervia, che mi ha introdotto in questo mondo) non esisterebbero ed il mondo sarebbe un pò più triste...ma a me non piace l'atmosfera da "club", non mi piacciono le transenne, le tessere ed i cartellini. Non mi piace insomma l'aspetto "massonico" della cosa.
Tutto qui.
Ma spero che il progetto di Nesko decolli, sarebbe un bene per tutti.

Tommaso ha detto...

... ho atteso un momento per intervenire perchè avevo qualche dubbio su ciò che desidero esprimere: ho letto più volte lo scritto di Nesko, ho cercato di vedere un poco oltre le parole scritte da chi è intervenuto prima di me e mi sono domandato ciò che io, da neofita del mondo aquilonistico, desidero che sia il mio spazio di volo.
Ieri sera ho ricevuto, come credo altri di noi, una lettera di Patrizio Marchesi che trovo molto "sentita" nelle opinioni da lui espresse in merito alla situazione organizzativa di Stack... e le sue parole sono state ulteriore spunto di riflessione.
Io mi sono avvicinato al FightersBar quasi per caso, grazie allo spirito intraprendente di Franco [difficile a credersi che ogni tanto lo sia] e alla smania divulgativa di Renzo... forse per un fatto temporale e per un poco di "disponibilità" ed entusiasmo nello scrivere in inglese o nell'uso del computer, ora ne faccio parte attiva.
Io mi sento già parte di un "associazione"... che in questo momento sento molto libera e "autogestita" dallo stesso ENTUSIASMO dei partecipanti.
Credo che il FightersBar non sia associazione che possa fare tessere o avere statuto e sono consapevole che questa scelta non permetta tutta una serie di "benefici" elencati con dovizia ed esperienza da Roberto o tutta una serie di cose "istituzionali" che Nesko richiama nella sua lettera.
Credo, e di questo ne sono convinto profondamente, che il FightersBar sia una COMUNITA' .
Questo prescinde anche le persone che lo hanno creato, credo che Franco, Renzo ed io stesso che scrivo ora, abbiamo la consapevolezza che se per qualsiasi motivo il nostro entusiasmo verrà a mancare altri “volanti” continueranno quanto lasciato in sospeso.
Resterà tale sino a che i “vecchi” ed i “nuovi” avranno voglia di mettersi in discussione anche per le cose più piccole, le “liti” per quali cibarie portare ad un ritrovo, gli sfottò per una scusa inventata e soprattutto la CONDIVISIONE delle conoscenze o degli aquiloni arrivati da chissà quale posto strano…
Sono ben consapevole che la mia è una “visione” romantica ed utopistica,
ma scusatemi,
io volo con un aquilone.

Tommaso FightersBar

franconow ha detto...

Andiamo con ordine: Nesko ha un progetto, e vuole sapere che ne pensiamo. Io gli ho risposto, altri no.
Poi.
Poi si è cominciato a parlare di ciò che vogliamo fare a casa nostra, e questa è un'altra cosa.
Il FightersBar è quello che ha descritto Tommaso nel suo ultimo commento, e se l'ha capito lui penso ci siano arrivati tutti(ahahah).
NON SARA' MAI ALTRO AL DI FUORI DI QUEL CHE è ORA, cioè una comunità raccolta attorno ad un blog. Questa è l'impronta che abbiamo voluto dare dall'inizio, e che ha portato nel bene e nel male a ciò che siamo ora.
Abbiamo poche regole, e ce le siamo date appunto per lasciare il nostro divertimento fuori dalle logiche di "mercato". CONDIVISIONE e NO-PROFIT su tutte, perchè quando facciamo qualcosa per qualcuno e lo facciamo gratis, allora non diamo adito a dubbi sulla passione che ci muove.
PER NON AVERE OBBLIGHI VERSO NESSUNO, perchè nessuno dà soldi per non avere niente in cambio.
Insomma, per mantenerci LIBERI.
E cazzeggianti come sempre.
Poi.
Poi naturalmente, chi volesse creare un'associazione sugli aquiloni combattenti lo può fare, e gli offro spazio,ci mancherebbe...l'unica richiesta che faccio in tutta umiltà, è quella di non utilizzare il nome del FightersBar, perchè quella è un'altra storia.

R e n z o ha detto...

La proposta di Nesko io la trovo interessante, anche se forse non mi rendo conto degli oneri che comportano il creare un'associazione. Nel nostro piccolo (Vento Del Nord) siamo arrivati molto spesso vicini al punto di fondare un club/associazione ufficiale, ma abbiamo capito che ciò avrebbe comportato anche una serie di impegni che nessuno di noi, alla fine, voleva affrontare.
La stessa cosa, credo, valga per una associazione di appassionati di FighterKites a livello europeo. Anzi l'impegno è senz'altro maggiore!

I propositi di Nesko credo piacciano a tutti; la cosa servirebbe per darci un'identità, per avere sovvenzioni (cosa, secondo me, relativa),ma soprattutto è il creare un punto di riferimento Europeo che faciliterebbe lo scambio in ogni senso, e questo sarebbe la cosa più importante!
Secondo me alcuni obiettivi della proposta di Nesko sono attuabili e auspicabili, soprattutto per noi che ci siamo avvicinati da poco a questa disciplina. E forse è proprio per questo che forse non sentiamo la cosa come la sente lui. Siamo comunque una COMUNITA' in crescita e che suscita interesse.
Detto ciò, mi sento di appoggiare la proposta di Nesko essenzialmente dal punto di vista della condivisione, senza ufficialità, magari con la creazione di uno spazio web al quale tutti possano attingere per avere informazioni
su eventuali contese (muoversi è critico per tutti, ma magari una o due volte l'anno...), sull'eventuale scambio di materiale (!!) e altre possibilità che, per chi ha fame di fighterkites, sarebbero allettanti.

aristide ha detto...

io spero che lo spirito di questo blog rimanga quello dei "padri fondatori"

PAOLO ha detto...

OK .. se non vogliamo essere un associazione possiamo rimanere la combricola che si incontra la domenica in cerca di vento .. pero' non ditemi che non vi va di far parte di un associazione ,o sparlare di queste .. quando poi vi fa comodo associarvi quando questo comporta avere dei vantaggi , tipo assicurazioni o privilegi .. addirittura essere degli istruttori ..
Se questo spazio e' solo per parlare .. continuamo cosi' ..

franconow ha detto...

Scusa Paolo, ma mi pareva di essere stato chiaro...il FightersBar rimane così com'è perchè è così che lo abbiamo voluto.
Se vuoi creare una associazione di volo fighter, va benissimo!
Più realtà ci sono e meglio è...per il resto riguardante privilegi vari, lasciamo perdere, si vede che proprio non mi/ci conosci...a proposito, non sarebbe male che ti presentassi, no?

R e n z o ha detto...

Forse non si è capito che questo nostro spazio rimarrà così com'è finche qualcuno avrà voglia di utilizzarlo.
Non ha niente a che vedere con una eventuale punto di riferimento "Europeo" che ognuno, poi, deciderà se considerare o meno.
Il principio che ci caratterizza è, credo, lo scambio e la condivisione , il trovarci quando vogliamo, senza impegni, per volare assieme o per combattere se ne abbiamo voglia, per divertirci o per sfidarci seriamente.

Tommaso ha detto...

... io non ho visto in nessun commento il "parlar male" di associazioni, anzi più volte in queste pagine si è espresso riconoscenza per spazi e opportunità... così come tutte le volte che è stato possibile un incontro per una cena oppure un volo, le differenti anime degli aquilonisti si sono ben trovate a condividere il campo volo e non solo quello.
E' il tuo secondo commento, PAOLO, che non mi appare proprio indirizzato ad una discussione quanto ad un cercar scontro [ironia polo nord/sud] e proprio non ne vedo lo scopo... anche perchè amo parlare per dialogare.

Roberto ha detto...

Renzo ha ragione, questo spazio deve rimanere cosi. Lo scopo di un blog è scambiarsi opinioni ed idee e il fighter bar ci riesce benissimo.
Associarsi ufficialmente è tutta un altra cosa, ed entrambe le realtà devono esistere (infatti molte associazioni hanno una rivista o uno spazio di discussione). Comporta obblighi ed oneri che non tutti hanno voglia di affrontare, ma che del resto non vuol dire spengano la spinta di passione che l'hanno creata.
Nesko forse intende questa ultima forma, che è l'unica del resto che permette di attingere ai fondi europei (ce ne sono di vario tipo riguardanti le associazioni).
Come rappresentante del club Cervia Volante dico che si potrebbe aprire una discussione interna se da parte di alcuni di voi si prospetta l'idea di creare una branchia dedicata all'aquilonismo combattente. Non è un si ma un "Vediamo", "Parliamone". Discutiamo pure anche degli obblighi e degli oneri, magari una forma si trova ma sta a voi proporre.

Paolo ha detto...

Non volevo essere anonimo .. l'intervento sopra e' mio .

Fernanda ha detto...

Due parole, durante la pausa caffè:
Visto che molti di noi sono iscritti alla Stack con varie motivazioni.. perchè non valutare la possibilità... di creare in seno alla Stack Italia, già riconosciuta anche a livello europeo,la sezione combattenti? Certo ci vorrebbe anche una attiva partecipazione di qualcuno di noi...alla gestione dell'associazione..

Roby ha detto...

non ho mai voluto praticare nessuna forma di agonismo proprio per non avere degli obblighi verso nessuno(squadre,concorrenti ecc.)figuriamoci se adesso aderisco per stare in vostra compagnia.la cosa mi è sempre piaciuta come l'ho vista crescere.mi sento di portare il mio contributo per cose che posso e riesco a fare e che mi diano spazio per praticare anche un altro hobby che ho(pesca),se avete bisogno del mio contributo riguardante la parte grafica posso contribuire ascoltando i vostri consigli o proposte,ma rendermi responsabile di partecipare a gare o manifestazioni che assumeranno sempre di più l'aspetto di formule burocratiche e che col tempo creeranno tensioni tra la gente,sono cose che mi allontanano automaticamente e raffreddano "l'ambiente".se sarò accettato con lo stesso spirito che c'è attualmente sarò contento di apportare il mio contributo a richiesta,altrimenti amici come prima.questo è quel che riguarda l'aspetto agonistico,per tutto il resto lascio ai fautori del bar la facoltà di decidere se far diventare la cosa a livello nazionale,europeo,o altro.non vogliatemene se sono stato un po crudo.un saluto affettuso a tuttttttti

R e n z o ha detto...

X Roby: il direttivo avrebbe deciso che i frequentatori del "bar" sopra una certa età, e magari in pensione, vengano esclusi e non più informati di eventuali incontri, perchè di peso al regolare progresso della nostra "organizzazione".
A me purtoppo è toccato l'onere di informarti di questa spiacevole realtà.
Il fightersbar deve evolversi, non è più tempo di bottiglie di vino e speck, è ora che si facciano le cose "seriamente".


Ma non hai capito che non ti viene chiesto di aderire a chissacchè per "continuare a godere" della nostra compagnia e noi della tua?

Roby ha detto...

x Renzo
forse volevo sentirmi dire questo da uno come te e visto che sei uno che conta ti prendo in parola e continuo a frequentarvi con lo stesso spirito di sempre.non è che abbia buttato l'esca provocatoriamente e qualcuno come te abbia abboccato,ma preferisco
aver sentito la tua opinione e sapere di essere accettato per quel che sono.so di essere un sostenitore dei fighter e fino a che non si creeranno al suo interno delle rotture causate da certi malumori inevitabilmente prodotti da un livello agonistico,continuerò a praticarvi contribuendo e sostenendo la mia compagnia aquilonistica. grazie della tua risposta che fortunatamente ho letto fino alla fine perchè stavo già partendo in quarta per mandarvi tutti a quel paese.hahhahhhaa.ciao Renzo e grazie ancora.

Nesko ha detto...

Ciao a tutti,
Sono lieto che l'argomento che si interresse!
Siete fortemente motivati Pirates italiano
le vostre idee e commenti sono interresting,
Ne ho bisogno;

Ti dirò di più presto,
Devo lavorare il soggetto;

Non voglio norme e gli obblighi,
Sono libero come te e non vedo l'
intenzione di continuare ad esserlo;

Ora, ciò che conta è che noi
possiamo incontrare per la caccia e le soluzioni
Aiuti finanziari per coloro (come me) che non possono
muoversi con facilità (tempo e denaro ...)

Un'idea molto semplice (tra gli altri):

Un portale Internet europeo sulla fighterkite,
discrete annunci pubblicati sul sito,
ogni clic nella rete di caccia di volta in volta sui link pubblicitari,
facciamo soldi facilmente,
siamo sovvenzionare il nostro viaggio proprio

E 'un modo semplice per promuovere la lotta contro il kite;
Ce ne sono altri ...

nessuna discriminazione
regole vincolanti,
volete unirvi il tuo livello
il gruppo può aiutare;

non si vuole aderire
No worries,
andare in cielo,
e vinca il migliore!

Spero di vederti l'anno prossimo, in un modo o nell'altro,
perché il soggetto è l'ok kite lotta?

Così a lungo e buon vento Italia!


Nesko

Mauri ha detto...

Salve a tutti :-)
io sono arrivato da poco, il mio primo contatto è stato con Franco via Internet proprio al FighterBar ed è sempre un bellissimo ricordo, poi ho conosciuto Tommaso, Renzo e via via tutto il gruppo o quasi.
Sappiamo cosa proviamo e cosa sentiamo quando ci si incontra o ci si contatta C/o il FBar, quale è lo spirito che ci distingue e la voglia di "scambio e condivisione" citato in primis da Renzo e amicizia che sempre si manifesta. Se un domani nascessero altri desideri... si vedrà, ora è importante vivere pienamente nel "presente" l'Eterno Presente :-)
Cmq bello l'entusiasmo di Nesko!
Abbrax a tutti e Buon Volo!
Namastè

andrea benini ha detto...

io condivido i pensieri di nesko, condivido anche il fatto che il fighters bar deve rimanere tale e quale a com'è adesso. è nato per uno scopo e lo scopo deve rimanere quello. e poi non vedo l'esigenza e la volontà di chi l'ha creato e di chi si è aggragato di voler cambiare le cose. il fighters bar è bello così com'è, compresi gli eventuali aggiornamenti del caso in base alle necessità che si prospettano. ho capito che nesko vuole organizzare una situazione a livello europeo, il mio consiglio di appoggiarsi ad una associazione già esistente, voleva solo essere un modo per poter velocizzare certe pratiche burocratiche e evitare inutili costi e impegni che chi fa parte di un'associazione, attivamente, sa meglio di me, e vi assicuro che sono tanti ( si veda esempio stack italia ). le associazioni fanno sempre fatica a sostenersi economicamente, perchè i costi ci sono, e fino a quando partecipa molta gente attivamente ( gratis ) e si promuovono delle iniziative per poter incassare un pò di soldi e si trovano magari degli sponsor ( sono difficili da trovare solitamente) tutto procede, ma poi quando a lavorare sono sempre i soliti, quando a prendersi degli impegni sono sempre i soliti, finisce che questi soliti si stancano, e poi se finiscono anche i soldi è ancora peggio. invece appoggiarsi ad un'associazione già esistente, non grava in maniera pesante come crearne una nuova. per ciò che riguarda l'italia invece, io penso che sarebbe ora di combattere un pò più ufficialmente partendo con combattimenti di fighters e di rokkaku. anche i rokkaku sono comabttenti. ciò per creare una sorta di competitività e per dare ancora più stimoli per partecipare agli incontri. poi mica siamo obbligati tutti a combattere. chi vuole combatte, chi vuole solo volare vola. in più si possono riprendere le idee espresse da molti, quando si è affrontato il discorso sicurezza la volta scorsa. si può competere anche senza per forza tagliare. per ciò che riguarda invece appoggiarsi alla stack, penso che la stack di problemi ne abbia già abbastanza, vedi circolare pervenuta qualche giorno fa, menzionata anche da tommaso in questa discussione. però se le cose si risolvono la stack potrebbe essere un'idea, anche se la maggior parte dei fighters non abita nelle vicinanze della sede stack e questo potrebbe essere un ostacolo. concludo dicendo che nesko sta pensando di fare una bella cosa ed ha il mio appoggio, spero anche di poterlo incontrare presto di persona. scusatemi se i miei interventi spesso sono lunghi

G65 ha detto...

Salve a tutti, entro anche io in questa discussione.
E NON sarò breve ;-)
Parlo per esperienza personale, come attuale presidente di una A.S.D. che mi è stato necessario creare per poter continuare ad organizzare la manifestazione di Viareggio.
Dunque, per poter metter su una associazione Sportiva Dilettantistica (nel mio caso una polisportiva) si comincia con redarre l'atto costitutivo e lo statuto... ci vogliono cinque soci che formino un direttivo (presidente, vice, segretario tesoriere e due consiglieri).
Il presidente E' RESPONSABILE DITUTTO CIO' CHE "COMBINA" L'ASSOCIAZIONE.
Atto costitutivo e statuto vanno depositati presso l'Agenzia delle Entrate, dopo l'ovvio pagamento di bollettini e marche da bollo... spesa totale circa 400 euro (cominciamo bene...)
POI, per poter usufruire del regime fiscale agevolato è necessario registrarsi al registro delle A.S.D. tenuto dal C.O.N.I. ma per potersi registrare BISOGNA prima aggregarsi ad un ente di promozione sportiva, tipo U.I.S.P. o A.I.C.S. o altri...
Ho scelto l'A.I.C.S. in quanto la più economica... affiliazione ANNUALE più 25 tessere OBBLIGATORIE costano 150 euro circa (e due...)
In più c'è da organizzarsi con un commercialista (impossibile fare da soli) che ci aggiorni su tutte le leggi e le regole - che tutti gli anni OVVIAMENTE cambiano... altri 50/100 eurini annuali (e tre...).
Se fino a qui per voi è tutto OK aggiungo l'assemblea annuale (veramente sarebbero due, una a inizio anno e una a fine...) con verbale redatto e controfirmato e libro conti NON bollato (almeno quello...).
Tenete poi presente che chi volesse aderire alla associazione, sia creata ex-novo che già esistente si troverebbe a dover versare quei 20 euri MINIMI di quota annuale.
Ah, già... gli sponsor...
Siete sicuri di riuscire a trovare qualcuno che finanzi le attività della associazione??
Sottolineo che in Italial'aquilone viene ancora inteso come giocattolo per bambini (e neanche troopo grandi e/o intelligenti...), con la sua bella codina a fiocchi.
Avete mai provato a spiegare che adesso gli aquiloni si fanno anche "ballare"?? O che possono costare anche fino a 200/300 euro??
Aggiungiamoci poi anche il fatto che stiamo parlando di aquiloni combattenti e immaginiamo la faccia di chi abbiamo di fronte (che, ricordo, dovrebbe sganciarci la grana...).

Detto questo, NON voglio assolutamente demoralizzare nessuno o spengere l'entusiasmo... vorrei solo mettervi in guardia da subito a che impegno state andando incontro... siete sicuri ad esempio che molti si aggregheranno alla associazione?? Sempre per esperienza personale vi posso garantire che la maggior parte delle promesse restano poi tali...

Appoggiarsi ad una associazione già creata eliminerebbe tutte quelle spese iniziali, ma resterebbero comunque le quote associative che ho MOOOOOLTO OTTIMISTICAMENTE fissato in 20 euro annuali.

Per quel che mi riguarda avevo già proposto a Franco una aggregazione alla mia associazione, come sezione indipendente... ma non è certo una cosa da discutere in questo luogo.
Avevo già "creato" tempo fa - prima dell'avvento di Maestro Yoda e del Poeta - una sorta di associazione con tanto di logo, la F.K.I. - Fighter Kites Italia (potete trovare il tutto sul sito dracovolanspt[punto]org)... proponendo il FightersBar come punto di incontro ufficiale della associazione, cosa caduta li per non snaturare l'identità "pirata" del Bar.

Se qualcuno volesse riprovare sono qui ;-)

G65 ha detto...

X Storgio...
chiedi su qualcuno ha mai visto a Viareggio transenne o cartellini... ;-))
Certo, una delimitazione è talvolta necessaria per motivi di sicurezza... una congrega "anarchica" come il FightersBar non la tieni a freno mica tanto facilmente (vedi Viareggio 2009)... ;-))

Lunga vita al Bar

andrea benini ha detto...

è vero, devo proprio dire che tenrci a freno a viareggio sarebbe stato impossibile per chiunque ehehehehheheheh e il bello deve ancora venire, ho in serbo delle sorprese per il 2010. stai tranquillo giacomo G65 non riguarda viareggio

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.